Il disegno tracciato evidenzia una suddivisione organizzativa a cui vanno ora assegnate le responsabilità, collocandole nei diversi livelli ed identificando i requisiti personali necessari per il coordinamento dei vari centri di responsabilità, oltre che i fondamenti per delineare la dotazione organica di ciascun centro.

 

Direzione generale – Direttore generale

l’incarico è stato conferito dal Consiglio di Amministrazione alla Dott. BONARDI Tiziana, con deliberazione n. 35 del 17/05/2018, modificata con successiva deliberazione n. 48 del 28.05.2018.

La Direzione generale assume nella persona del Direttore generale le responsa-bilità e le attribuzioni descritte nel Capo II, sezione I del D.Lgs. 30 marzo 2001, n° 165 e richiamate dalla normativa regionale all’art. 8 della LR 19/03. E’ l’organo che riveste il più elevato ruolo di gestione all’interno dell’Ente e nelle relazioni esterne.

Oltre a ciò, l’attività di assistenza al Consiglio d'amministrazione compiuta dal Direttore comporta un’ulteriore serie di responsabilità ed attribuzioni legate all’espressione dei pareri favorevoli impliciti nell’apposizione della propria firma sulle deliberazioni.

A maggior ragione pertanto la figura del Direttore deve essere accompagnata, oltre che da adeguata preparazione, da comprovata professionalità, il che suggerisce di individuare persone che abbiano una prolungata esperienza all’interno dell’Azienda o di aziende similari.

Il Direttore generale dirige in prima persona anche l’attività dell’Area Amministrativa Tecnica avendo la responsabilità delle funzioni amministrative legate alle operazioni di gestione finanziaria del bilancio, di gestione amministrativa di ospiti e dipendenti, ed essendo coaudiuvato da altro personale amministrativo.

Al Direttore generale competono responsabilità e attribuzioni relative alla gestione dell’operatività interna, ma anche a quella degli affari esterni. Compete inoltre il controllo di gestione a livello generale. Questo succede anche al livello dell’Area complessa denominata ASS:

Area Sanitaria e Socioassistenziale (ASS) – Direttore di Area Sanitaria e Socioassistenziale

l’incarico è stato conferito dal Dierttore dell'Ente con determinazione n. 172 del 05.06.2018 alla dott. PAPPAROTTO Carla.

Le attribuzioni e le responsabilità affidate al responsabile dell’ASS, sono anch’esse estremamente ampie. Il Direttore di Area Sanitaria e Socioassistenziale si occupa della pianificazione di tutta l’area assegnatagli, delle verifiche e del controllo.

Propone le iniziative riferite alla propria Area e individua i servizi e gli obiettivi strategici.

Attiva collaborazioni con Enti sanitari, sociali e formativi.

Insieme al Direttore generale elabora il documento dal quale discendono le decisioni legate alla dotazione degli organici da sottoporre al Consiglio d'amministrazione, e programma le decisioni legate alla flessibilità del lavoro, alle scelte relative ai sistemi premianti al rapporto con le parti sindacali nei casi in cui è prevista l’informazione, la concertazione e la contrattazione.

Servizio Infermieristico e Assistenziale (SIA) – Infermiere coordinatore

All’Infermiere coordinatore competono mansioni di coordinamento delle risorse umane e di controllo delle risorse materiali della o delle unità operativa dell’Area Sanitaria e Socioassistenziale assegnategli, con particolare riferimento alla gestione dei processi assistenziali, alla verifica dei risultati dell’attività del personale assistenziale, all’orientamento al lavoro in sicurezza e all’approvvi-gionamento e distribuzione del materiale all’interno dell’unità operativa.

L’Infermiere coordinatore di reparto fa capo al Direttore d’Area Sanitaria e Socioassistenziale.

Servizio tecnico (STE) – Capo Tecnico

In previsione di un più razionale funzionamento della suddetta unità operativa è allo studio l’attivazione di una responsabilità intermedia finalizzata all’individuazione di un capo tecnico in grado di coordinare le attività dell’unità operativa a breve e medio termine.

In particolare il Capo Tecnico dovrà curare i rapporti tra il servizio e le altre unità operative e servizi, coordinare le attività degli altri manutentori, sorvegliare le dotazioni di materiali afferenti all’unità operativa stessa, senza abbandonare l’attività diretta.